• giovedì , 17 agosto 2017

STEFANO ERANIO IN VISITA A MOLA

MOLA – Chi ha detto che le amicizie estive non sopravvivono all’autunno? Quando il consigliere di maggioranza Salvatore Ruggiero quest’estate ha incontrato il calciatore Stefano Eranio è stato solo l’inizio di un cammino di condivisione, che si spera potrà far bene al nostro paese. Centrocampista, classe ’66, otto anni nel Genoa (dal 1984 al 1992), cinque anni nel Milan (dal 1992 al 1997), quattro nel Derby County in Inghilterra (dal 1997 al 2001), venti presenze in Nazionale dal 1990 al 1997 (primo genoano della storia a vestire la maglia azzurra), oggi Eranio allena le giovani promesse del calcio. Il suo passaggio a Mola rientra negli obbiettivi dell’amministrazione che, nelle parole dell’assessore allo Sport Gianni Russo “vuole inculcare nei giovani l’importanza della competizione sana, dello sport come momento di condivisione e non di sopraffazione. Un messaggio che riteniamo sarà loro utile in ogni momento della vita”. Un messaggio che evidentemente lo stesso Eranio condivide, poiché su questo sono stati incentrati i suoi discorsi ai ragazzi delle scuole di secondo grado Alighieri e Tanzi, visitate nel mattino, e ai ragazzi e agli istruttori delle scuole di calcio molesi nello stadio “Caduti di Superga” durante il pomeriggio.

019-copia050-copia077-copia

Il campione non solo ha dato preziosi consigli tecnici ai più dotati fra loro, ma non si è sottratto a domande di nessun genere: ha raccontato delle difficoltà in seguito al gravissimo infortunio a un rene subìto a soli diciannove anni, ma da cui si rialzò dopo mesi di riabilitazione, dando così ai ragazzi un messaggio molto importante sul non arrendersi. E non ha risparmiato nemmeno considerazioni sui cambiamenti del calcio odierno, sia quello giocato (“nelle squadre Primavera oggi si insegna a puntare tutto sulla fisicità, poi ti accorgi che questi ragazzi, e talvolta i loro stessi istruttori, non conoscono nemmeno l’abc della tecnica”), sia quello che gli gira intorno, dal calcio-scommesse (“un fenomeno che non c’entra nulla col vero calcio, creato da persone che lo vivono solo come un business”) al doping (“due fenomeni collegati: con tutta quella gente che investe soldi i giocatori sentono la pressione addosso e fanno scelte sbagliate, ma un vero campione vince senza aiuti esterni”) alla violenza negli stadi, per la quale indica responsabilità ben precise: “Gli ultrà sono delinquenti, non tifosi, usano lo sport come una scusa per sfogare la loro rabbia e la loro ignoranza. Quindi non capisco perché lo Stato non li tratti appunto da delinquenti e non prenda le dovute misure. Anche l’Inghilterra ha subìto il fenomeno hooligans, ma ora è un paradiso e nei cinque anni in cui ci ho vissuto vedevo famiglie intere recarsi allo stadio e tifoserie avversarie uscire insieme. Ciò dimostra che basterebbe davvero poco ad arginare il fenomeno. Inoltre lì i calciatori non fanno i divi come da noi, vanno allo stadio con le loro macchine e si fermano tranquillamente coi tifosi”. Da quel che abbiamo potuto vedere non ci stupisce che Eranio si sia trovato così bene in Inghilterra: anche i suoi modi non hanno nulla di divistico.Garbato, sempre pronto a porgere la mano per primo, a cedere il passo e ad ascoltare ciò che l’altro ha da dire. I ragazzi sembrano aver percepito questo suo modo di essere, tanto da fare la fila per un autografo o una foto insieme.

027-copia080-copia

Cosa non scontata considerando che non tutti sono milanisti e soprattutto che parliamo di un campione di una generazione antecedente alla loro. Questo dimostra che lo sport può ancora unire, quando affrontato con lealtà e professionalità. E potrebbe non essere l’ultima occasione che i giocatori in erba molesi avranno di un simile incontro ravvicinato. L’amministrazione, di concerto con le associazioni sportive locali, non fa mistero di volere che Eranio con la sua Academy faccia un camping estivo qui da noi, e lui non sembra essersi tirato indietro. Insomma, questo potrebbe essere solo il fischio d’inizio.

Vito Giustino

085-copia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts