• sabato , 16 dicembre 2017

ROSSANA SAPONARO SUL PARCO DELLE LAME SAN GIORGIO

MOLA – Rossana Saponaro, ex assessore all’Urbanistica, lo scorso 9 febbraio ha partecipato, insieme a vari amministratori e tecnici locali, ad un incontro dal titolo “Verso il Parco delle Lame San Giorgio e Giotta”, organizzato da Italia Nostra e tenutosi nella sala consiliare della Città Metropolitana. Questo il suo resoconto dell’esperienza, diffuso attraverso una nota: “L’istituzione del parco è sempre più vicina. In seguito alle riflessioni scaturite in quella sede, ho ritenuto opportuno condividere insieme al sindaco la possibilità di far rientrare il territorio molese tra quelli dei Comuni dell’area protetta. La nota è stata trasmessa al Sindaco della Città Metropolitana Antonio Decaro, al Consigliere delegato alla Pianificazione Strategica e Territoriale Michele Abbaticchio e al Segretario Generale Donato Susca. Mola è ricca di lame ma la preziosità del sito neolitico di Scamuso (a confine con Torre a Mare) e dei resti della villa romana di Cala Padovano (a soli 3 KM a nord dal centro abitato di Mola) porterebbero un valore aggiunto in termini di turismo archeologico a difesa e beneficio dell’identità culturale della comunità dell’intera riserva naturale”. Altre notizie di natura “territoriale” dall’ex-assessore: “Il Comune di Polignano, lo scorso 21 febbraio, ha approvato la delibera avente ad oggetto: ‘Approvazione dello schema di convenzione tra i Comuni di Polignano a Mare e Mola di Bari per la gestione in forma associata dell’Ufficio Paesaggio e VAS ai sensi dell’artt. 30 e 42 del D.Lgs 267/2000, dell’art. 146, co.6 del D.Lgs. 42/2004 e dell’art. 4 co 4 della L.R. n. 44/2012, con delega al Comune di Polignano a Mare’. La copia di tale delibera è stata pubblicata oggi, 16/03/2017, sull’albo pretorio del Comune di Polignano e con la predisposizione degli atti anche da parte dell’Ufficio Tecnico di Mola si potrà procedere alla chiusura dell’iter quanto prima. Uno strumento importante per la salvaguardia del territorio”. Non ci resta che sperare che, anche alla luce dei recenti cambiamenti politici (che approfondiremo in seguito), queste buone notizie non restino su carta.

Vito Giustino

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts