INAUGURAZIONE COMITATO ELETTORALE Pasquale LOIACONO

Riceviamo e pubblichiamo

Conversano, 11 agosto 2020 – Un’inaugurazione partecipata e affollata quella di ieri sera in occasione dell’apertura del comitato elettorale Loiacono Sindaco che ha sede in via Fratelli Rosselli 29.

Una sede nata grazie al lavoro e alla disponibilità dei molti amici che si sono adoperati per rendere possibile la fruizione di questo luogo che vuole rappresentare anche un segno tangibile per la comunità, di come sia possibile riqualificare e dare nuova vita e linfa a spazi abbandonati. Sarà una sede aperta, aperta al confronto e alla condivisione nella quale c’è posto e spazio per chi vorrà dare il proprio contributo grazie anche alle cartoline nelle quali sarà possibile lasciare il proprio suggerimeto sulla città.

La sede del comitato elettorale sarà la casa di tutti” ha affermato Pasquale Loiacono. “Diventerà uno spazio nel quale, a prescidere dal risultato elettorale, si costruirà un labooratorio politico permanente che possa lavorare nella direzione di formare i nuovi amministratori che abbiano come unico filo conduttore l’amministrare nell’interesse comune“.

Non si è parlato di programma, il cui appuntamento è rimandato al 27 agosto, ma si è parlato di valori, quelli che accomunano la coalizione che sostiene Pasquale Loiacono e che prorpio dalle parole del candidato Sindaco esprimono tutta la loro forza: “sento di avere intorno a me  le persone per bene, autentiche: le belle persone. Sono certo che la nostra coalizione potrà raccogliere il consenso della città, di una città onesta . In questi  22 mesi non abbiamo fatto compromessi con nessuno, rispetto, coerenza e trasparenza sono i valori che hanno mosso e muovono le nostre azioni e  sempre con questi presupposti vogliamo amministrare in maniera limpida, rimanendo lontani da ogni legame con quelli che possono essere interessi altri. Siamo noi, siamo semplici, siamo persone oneste e su queste direttive dobbiamo proseguire“.

Un rigraziamento sentito e particolare è stato rivolto poi alla nuova forza politica che si aggiunge alla coalizione a sostegno di Pasquale Loiacono: Quark, un movimento fatto di ragazzi e ragazze le menti più fresche della nostra comunità  che esprimono proprio la parte autentica del concetto di politica, quello in cui non ci sono interessi ma c’e solo la voglia di prestare un servizio alla città“.

Dalle parole di Marco Patruno emerge fortemente il bisogno di scendere in campo con Pasquale Loiacono per “dimostrare che Conversano possiede gli anticorpi della democrazia e che può risollevarsi da una condizione di mortificazione della politica testimoniata da due commissariamenti orchestrati e voluti in meno di tre anni. Essere di sinistra – continua Patruno – vuol dire essere dalla parte dei più deboli, vuol dire essere partigiani ovvero prendere posizione ma soprattutto avere fiducia nelle altre persone per alimentare il cambiamento“.

I valori della trasparenza, della legalità, della forza e del coraggio sono stati denominatore comune anche delle parole di tutti i rappresentati delle liste intervenuti in questa inaugurazione. La stessa Antonietta Ranieri ha espresso con forza e determinazione il suo pensiero: “dire di esserci stata sempre, nei momenti belli e meno belli di questa amministrazione interrotta,  mi rende garante dei pensieri che sono qui a condividere con voi. Pasquale  è stato capace di tenersi lontano dalle logiche di potere, di forze politiche che producevano effetti negativi sull’amministrazione stessa, un sindaco capace di scelte coraggiose nell’estromettere quelle forze politiche negative nel governo della città“.

In assoluta coerenza anche Pamela Fanelli rimarca una linea di condotta improntata sul benessere collettivo: “da noi non troverete mai rimpasti per interessi legati a logiche personali e certamente non troverete al governo persone ambigue, anche a rischio di pagare un caro prezzo; ma troverete una squadra che guarda nella stessa direzione che ha gli stessi valori dai quali partire e che sa esattamente dove vuole andare“.

Conclude Gianluigi Rotunno “in questa campagna elettorare guarderemo a quello che è successo ma non sarà l’unico nostro argomento: parleremo soprattutto di quello che vogliamo fare sulla base dell’esperienza fatta in questi mesi passati. Il Covid, l’emergenza hanno cambiato un sacco di cose e noi dobbiamo adeguarci ad una visione completamente diversa pertanto è indispensensabile andare al di là  di quello che abbiamo pensato solo due anni fa.  Dobbiamo dare una taglio netto su chi siamo – prosegue Rotunno – e su quello che proponiamo. In questa campagna elettorale molto si giocherà sulla differenza tra le persone serie e le persone che invece stanno contaminando le varie coalizioni, o addirittura contaminando più coalizioni: questo disordine del civismo in una città deve finire, si sta da una parte sola, si diventa partigiani, nel senso che si parteggia guardando la propria parte giusta. L’amarezza deve ora lasciare il passo all’euforia e al coraggio di osare perchè noi dobbiamo immaginare la città del fututo la città dei nostri figli e dei nostri nipoti“.