• venerdì , 15 dicembre 2017

POLIGNANO RICORDA LA SHOAH

160 - Copia

POLIGNANO – Febbraio è il mese della Memoria. Le istituzioni rinnovano ogni anno l’impegno a non dimenticare la Shoah perché le nuove e le prossime generazioni continuino a ricordare cosa è stato. Quest’anno Polignano ha celebrato la ricorrenza con un doppio appuntamento: il primo, il 16 presso la scuola Sarnelli-De Donato la conferenza “Mai più”, organizzata dal liceo scientifico “Sante Simone” di Conversano e dall’associazione “L’Araba Fenice” di Polignano, tenuta dalle professoresse Lucia Brescia e Romina Valentini. Il secondo, il 22 presso la sala consiliare con la professoressa Francesca Romana Recchia Luciani (autrice di “La Shoah spiegata ai ragazzi”) che ha tenuto una lunga lezione sull’escalation che nella Germania nazista portò progressivamente all’emarginazione degli ebrei (grazie a un tragicamente geniale sistema di propaganda che li portò a essere considerati la causa di ogni problema) e quindi alla loro persecuzione e al loro sterminio. Il tutto alla presenza dell’assessore alla Cultura Marilena Abbatepaolo, che ha chiosato: “Al termine della prima commemorazione dell’Olocausto dopo esserci insediati, i ragazzi ci chiesero di trattare l’argomento più spesso e non solo il 27 gennaio. Da allora abbiamo sempre cercato di mantenere questo impegno che speriamo culmini, nei prossimi mesi, in un viaggio scolastico ad Auschwitz dove i ragazzi possano vedere coi loro occhi cosa è accaduto. Spesso dedichiamo alla memoria tante parole, ma ‘ricordare’ deriva dal latino ‘recor’, dove cor è il cuore (sede della memoria per gli antichi) e re indica la ripetizione. Per ricordare una cosa dobbiamo ripeterla nel nostro cuore. E per ripeterla dobbiamo conoscerla”.

Vito Giustino

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts