• sabato , 21 aprile 2018

POLIGNANO A MARE, NO TRIVDAY

 

039

 

 

POLIGNANO a MARE –  Vi ricordate, vero, che vogliono costruire delle trivelle petrolifere davanti alle nostre spiagge? E sapete quanti rischi ci sono per l’ambiente e la salute? Se non lo ricordate, o neanche lo sapete, vuol dire che sono necessarie iniziative come il NoTrivDay del MoVimento 5Stelle, che sta toccando varie spiagge pugliesi e ultima ma non ultima Polignano. Alcuni attivisti armati solo di striscioni e megafono hanno parlato a una folla di bagnanti invitandoli a unirsi alla loro protesta.

“Il governo Renzi ha già dato le prime autorizzazioni – spiega Giuseppe L’abbate – per sondare i mari con l’air gun, una tecnica che consiste nello sparare in acqua bombe d’aria che provocano danni gravissimi alla fauna marina. A chi dice che non c’è rischio ambientale ricordo la lezione del Golfo del Messico. L’Italia da vent’anni non ha un piano energetico, per cui a chi serve la ricerca del petrolio? Evidentemente alle lobby che questo governo serve, non essendoci più la sovranità popolare…”.

“L’inutilità di queste ricerche – prosegue Emanuele Scagliusi – la confermano i numeri: in vent’anni si riuscirà a malapena a estrarre greggio per soddisfare il fabbisogno nazionale di due anni. Tutti gli Stati stanno investendo sulle rinnovabili, solo in Italia si ragiona sul brevissimo termine”. Alla fine diversi bagnanti si uniscono alla protesta, e alcuni ci confidano che non erano a conoscenza delle future trivellazioni. Basta quest’ultimo dato a dimostrare che la mattinata non è stata persa.

di Vito Giustino

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts