• giovedì , 26 aprile 2018

POLIGNANO A MARE, L’ASSESSORE ALL’AGRICOLTURA DI E’ DIMESSO

DA SX GIONVANNI ABBATEPAOLO, DANIELE SIMONE, DOMENICO VITTO, MARILENA ABBATEPAOLO, PAOLO LABBATE, PAOLO MAZZONE

 

POLIGNANO A MARE –  Dopo l’assessore ai servizi Sociali, Paolo Mazzone, anche l’assessore all’Agricoltura e Urbanistica, Giovanni Abbatepalo (il primo da sinistra in foto), lascia la giunta Vitto. In un comunicato stampa le sue ultime dichiarazioni. “Nonostante il lavoro svolto e l’impegno profuso fino ad oggi, devo considerare concluso il mio mandato e rimettere le deleghe nelle mani del Sindaco, Domenico Vitto. Senza dubbio questa Amministrazione ha dimostrato la capacità di affrontare le emergenze quotidiane ed i singoli problemi, anche in un contesto di difficoltà amministrativa e di ristrettezze finanziarie.

Nei tre anni di esperienza svolta all’interno dell’amministrazione è maturata però la consapevolezza che la visione dei problemi e soprattutto il modo di intendere le soluzioni, non si siano mai perfettamente integrate, probabilmente a causa dell’eterogenea composizione delle forze di maggioranza, non tanto sotto il profilo politico quanto sotto il profilo della formazione culturale e professionale.

La constatazione che, rivestendo il ruolo di amministratore, non fosse possibile interloquire con quella parte della comunità polignanese, che ha la stessa visione dei problemi, e che si voglia impegnare e mettere a disposizione le proprie risorse e le proprie competenze per rendere competitivo il nostro sistema paese, mi ha convinto definitivamente a rassegnare le dimissioni.

Ho atteso volutamente l’approvazione del bilancio prima di comunicare che lasciavo la carica di assessore, perché non volevo che si creassero instabilità prima di un momento così determinante per la vita di una amministrazione comunale, e spero con questa mia decisione, di facilitare il riassetto amministrativo annunciato dal sindaco nelle scorse settimane.

Auguro ai mie amici della Lista Civica di individuare in breve tempo chi mi possa sostituire e rappresentare il gruppo consiliare in maniera degna e proficua”.

 

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts