Putignano (Bari). Continuano gli appuntamenti promossi dalla Libreria di Conversano “Emmaus” di Silvia Serena Perrone con Letture al Museo fuori porta. Domenica 20 novembre, ore 17.00, appuntamento nel Museo Civico Principe Romanazzi Carducci di Putignano con la scrittrice Annella Andriani Aloja che presenta il suo ultimo romanzo: “La velocità del respiro”, Elianto Editore.
Dialogano con l’autrice l’avv. Isabella Rinaldi e l’avv. Luciano Rinaldi. Saluto istituzionale dell’assessore alla Cultura, dott.ssa Rossana Delfine. L’evento è patrocinato dal Comune di Putignano, assessorato alla Cultura. Per informazioni 3464201703. Ingresso libero.

Chi è Annella Andriani Aloja?
Nasce a Mola di Bari, in Puglia.
Fin da bambina si lascia possedere dal “demone dei libri”. Sin dalla giovane età frequenta e anima gli ambienti letterari con forza e vivacità incredibile, prepotente e poderosa. Responsabile e già socia dell’Associazione “Presìdi del Libro”, organizza eventi per la promozione del piacere della lettura. Nel 2005 crea il Premio Letterario Nazionale intitolato “LibriaMola”. Collabora con varie associazioni culturali promuovendo l’Arte, il Teatro, la Musica.
Promossa dai Garanti Regionali dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà opera nel Carcere di massima sicurezza di Trani, sezione femminile, con il programma di narrazione intitolato “Parole Fuori”. Organizza in qualità di Direttore Artistico, per due anni di seguito, un evento dedicato al cantastorie corpofonista “Enzo Del Re”, cantautore controcorrente dalle intuizioni geniali, ma rimasto sempre, per scelta, ai margini della scena, con la collaborazione di Vinicio Capossela, Eugenio Bennato, Teresa Desio, Daniele Sepe, Dario Fo, Franca Rame, Sergio Staino e altri.
Da sempre interessata ai problemi di violenza sulle donne e sui minori e dei rapporti di genere.
Ha scritto il romanzo “Storia di una narratrice in fuga”, un libro di poesie “Parlar d’angolo”, con prefazione di Anna Maria Kanakis. E’ anche curatrice della collana Kali per Il Grillo Editore, e in qualità di talent scout ha scoperto autori e autrici che oggi pubblicano con importanti editori. Ha illustrato due testi di fiabe per bambini, uno per l’UNICEF, e l’altro tratto da un concorso di fiabe scritte dai bambini: “Il mostro Iccutram e la città di Alom ed altre fiabe”, edito da Giazira Scritture. Organizza corsi di Scrittura CreaTtiva sul suo progetto “Racconti a km zero” per l’associazione Meridie, sita in Bari, e per altre associazioni interessate alla scrittura.

The end?

Assolutamente no!
E’ l’autrice di un bellissimo romanzo giallo, LA VELOCITÀ DEL RESPIRO Elianto Editore.

Sinossi del testo: La velocità del respiro (titolo)
Nella bella e calda primavera di Puglia, un’intrigante storia di spie e di amori vissuti ai confini della Storia con la S maiuscola. In una tiepida sera di primavera, umida e profumata di ozono, viene “raccolto” dall’asfalto fangoso un uomo, Paolo Concini. Già noto alle cronache per il suo passato di investigatore privato, bravo e spietato anche con le donne. Paolo, verrà condotto in ospedale dal suo non più amico commissario Chris Martini, per incontrare un moribondo che ha chiesto insistentemente di lui: deve rivelargli un segreto. Il moribondo però non gli racconta tutto, non si fida di lui, muore prima di poterlo fare. Ma ha pronunciato un nome: Giulia. Chi è Giulia? È la donna, collega e amante, che avrebbe dovuto sposare Paolo e che invece è scomparsa cinque anni prima in una operazione di routine. Paolo si mette alla ricerca di lei e delle sue tracce, tirandosi dietro una serie di personaggi misteriosi, equivoci e senza scrupoli. Uno in particolare: Neko Abramovic, spia internazionale e fomentatore di guerre e attentati in tutto il mondo al fine di controllare, con una sua organizzazione, traffici illeciti di ogni genere (armi, denaro, diamanti, droga, uranio). Durante le ricerche, l’intrigo si infittisce. Trame e orditi, sono evidentemente pane per il protagonista da tutti riconosciuto come un ottimo e implacabile investigatore. Anche il suo neo-nemico, Chris Martini, lo riconosce: a lui, Paolo, aveva “rubato” la donna, si fa per dire, infatti il suo odio scaturisce proprio da questo. Giulia era una bellissima e affascinante donna amata da entrambi, ma lei aveva scelto Paolo.Un’altra donna, Aura, una vedova bellissima quanto intrigante, entra nella vita di Paolo. Lei è la passione, l’amore, il sesso sfrenato. Il tempo però corre, ritrovare Giulia è urgente prima che la trovi il suo cacciatore. In questo mio Thriller, che non finisce, in realtà continuerà in un altro romanzo, in cui forse Giulia riapparirà, si rincorrono persone, emozioni e sentimenti contrastanti fino alla fine, in cui un colpo di scena coinvolgerà sicuramente i lettori e appassionati di questo genere. L’ironia, che è un aspetto del mio carattere, attraversa tutta la narrazione. Da donna impegnata contro la violenza, mi sono cimentata in questa racconto in cui due donne, belle e diverse, una con il suo corpo mozzafiato, l’altra, non meno affascinante con la sua assenza ingombrante, propongono e suscitano sentimenti che mettono a dura prova gli uomini. Mi auguro di essere stata esaustiva nella mia sintesi, e di avervi incuriosito al punto da farvi leggere il romanzo.