Jovanotti e il nuovo progetto “Jova Beach Party 2019” sulle spiagge

Milano. «È il mio sogno che si realizza in occasione del 50° anniversario dello sbarco sulla luna e del megafestival di Woodstock, quando avevo solo due anni».

È la confessione di Jovanotti fatta durante l’annuncio dell’evento “Jova Beach Party” che si svolgerà la prossima estate su alcune spiagge italiane.

«Stento ancora a crederci che un progetto del genere si è ormai formalizzato e sta prendendo forma – ha ammesso – Abbiamo avuto la collaborazione dei comuni in cui si svolgeranno queste giornate perché non si tratta di un concerto o di un festival ma di una vera grande festa che ha particolarità che si svolgerà per un giorno intero sulla spiaggia. È una megafesta sulla spiaggia con un deejay pazzesco e un hardware sonoro e visivo stupefacente. Ogni tappa è unica e irripetibile. Ogni giornata sarà viva, divertente, emozionante, innovativa, moderna, avvincente, tribale, ancestrale, giocosa, intensa».

Dopo un tour che lo ha visto protagonista in 67 palazzetti gremiti con oltre 560 mila spettatori, Lorenzo ha inventato una nuova formula di intrattenimento che occuperà una giornata di emozioni, musica, ballo e divertimento. 

«Sono ancora emozionato per questa idea nuova di fare spettacolo – ha spiegato – Non mancherà un set che mi vedrà protagonista e interprete di tutte le mie hits, ma durante il giorno ci saranno deejay set, amici, artisti italiani e internazionali cui non ho ancora fatto alcun invito, ma anche debuttanti che hanno realmente qualcosa da dire. Insomma tutto ciò che ruota intorno alla musica. E poi ancora roba da mangiare, da bere, giochi e spazi per bambini, senza per questo danneggiare attività commerciali in loco perché verranno delimitate solo spiagge libere con accesso a pagamento al costo di 52 euro».

Jova Beach Party è una città temporanea, un villaggio sulla spiaggia, un nuovo format di concerto, un happening per il nuovo tempo, con il mare, la musica, la gente, la vita.

«È una visione che ho maturato durante i 35 anni da deejay e i 30 da musicista e performance live – ha precisato – Ormai il tempo è maturo per una esperienza del genere perché vivere la musica per una giornata intera sarà una cosa meravigliosa. Gli spazi che ci sono stati messi a disposizione saranno delimitati perché un circo del genere costa più di un concerto in uno stadio e non ci sarà la possibilità di repliche a posti esauriti».

Le tappe confermate del Jova Beach Party sono il 6 luglio a Lignano Sabbiadoro (Spiaggia Bell’Italia), il 10 a Rimini (Spiaggia Rimini Terme), il 13 a Castel Volturno (Spiaggia Lido Fiore Flava Beach), il 16 luglio a Ladispoli (Spiaggia di Torre Flavia), i 20 a Barletta (Lungomare Pietro Mennea), il 23 luglio a Olbia (Banchina Isola Bianca Molo Bonaria), il 27 ad Albenga (Lungomare Cristoforo Colombo), il 30 a Viareggio (Spiaggia del Muraglione), il 3 agosto a Lido di Fermo (Lungomare Fermano), il 7 a Praia a Mare (Lungomare Area Dino Beach), il 10 a Roccella Jonica (Area Natura Village Lungomare Lato Nord), il 17 a Vasto (Lungomare Duca degli Abruzzi) e il 24 a Plan De Corones (Cima 2.275m); in attesa di conferma una località in Basilicata il 13 agosto e nell’area Nord-Adriatico il 20 agosto.

«Non potevamo fare proprio di più – ha affermato – Mi piace evidenziare che per la chiusura abbiamo scelto Plan De Corones sulle Dolomiti perchè la sabbia, la spiaggia, il mare sono belli ma anche la montagna e la neve hanno il loro fascino».

Il progetto è eco sostenibile con particolare attenzione all’ambiente e a fianco del WWF per la lotta all’inquinamento da plastica per sensibilizzare l’opinione pubblica e offrire soluzioni concrete su una delle principali emergenze ambientali che sta mettendo a rischio molte specie animali e minacciando la salute umana, vista la contaminazione da plastica delle catene alimentari.