Conversano, Loiacono – Matarrese: accordo sfumato

di Maria Sportelli

Conversano (Bari) – “Pasquale Loiacono ha fatto la sua proposta. Ci ha offerto la Presidenza del Consiglio e la carica di vicesindaco senza apparentamento.” Così Piero Montefusco segretario del PD dopo l’incontro con il candidato Sindaco Loiacono. Doveva servire all’unità del centro sinistra proprio a pochi giorni dal ballottaggio del 4 e 5 ottobre. L’altro candidato Sindaco in lizza è  Giuseppe Lovascio che ha già detto che apparentamenti non ne fa.

 “Abbiamo fatto una controproposta – ha spiegato un po’ provato Montefusco che abbiamo contattato telefonicamente, a suo dire sono state due giornate intense di trattative –  ma loro l’hanno rifiutata, per questa ragione è saltato ogni possibile accordo.”

Che cosa gli avete chiesto esattamente? “Un apparentamento con tutta la coalizione nessuno escluso. Non l’hanno accettato, hanno preferito mettere sul tavolo questi incarichi in nome di un accordo di programma. Dopo un direttivo abbastanza animato, fatto questa mattina, abbiamo cercato di trovare una soluzione sacrificando una parte della coalizione, perché non vogliamo essere sempre additati come i soliti che rovinano tutto. Così abbiamo fatto loro un’altra proposta: un apparentamento solo con Giovani Democratici, Idea di un Paese. Anche in questo caso la proposta è stata rifiutata. Hanno trovato una giustificazione arrampicandosi sugli specchi, perché non abbiamo inserito ufficialmente il  PD. Va detto che abbiamo deciso così solo per un fatto tecnico, il Pd c’è sempre, la proposta la sottoscrive!! Tra l’altro l’apparentamento con tre liste avrebbe comportato 8 seggi a Loiacono e 4 a noi. Su due invece sarebbero stati 9 a Loiacono e 3 a noi, ma anche in questo caso hanno rifiutato. La verità è che sono legati alle poltrone”.

E adesso cosa farà il PD? “Lasceremo liberi gli elettori”.

Loiacono dal canto suo manifesta le sue ragioni: “L’apparentamento è solo una spartizione di poltrone a fini elettorali che – d’altra parte – non garantirebbe tranquillità alla maggioranza. Con l’accordo in caso di vittoria avremmo 12 di consiglieri e al Pd e affini andrebbero incarichi istituzionali importanti. La proposta di apparentamento pervenutaci, riferita esclusivamente a Giovani Democratici e Idea, esclude inspiegabilmente proprio il Partito Democratico. Questa sarebbe per noi una soluzione non percorribile, poiché pregiudica l’unità del centro sinistra e la governabilità della città; non considera inoltre il messaggio degli elettori che al primo turno si sono espressi a maggioranza per il centro sinistra. Manteniamo fermo l’accordo proposto, in cui si riconoscono ruoli istituzionali e di governo, convinti del suo alto valore politico e di prospettiva”.

Insomma i giochi non sono ancora chiusi. Loiacono ha lasciato una porta aperta. Chissà se Matarrese e i suoi amici valuteranno ulteriormente la proposta, alla luce di quel proverbio che dice: “meglio feriti che morti”.