È tutto pronto per “Indifferenze”: al via a Conversano la mostra
fotografica a cura del reporter di guerra Fabio Bucciarelli, autore di fama
internazionale e i cui lavori sono pubblicati sulle più importanti testate
a livello mondiale. A partire dal 22 aprile il centro storico della città
si trasformerà in un grande museo sotto il cielo, accessibile a tutti
gratuitamente, ogni giorno per ventiquattr’ore su ventiquattro. Quindici
scatti sulle principali crisi umanitarie degli ultimi anni saranno esposti
per le vie principali in formato tre metri per due. Due delle immagini sono
appena state raccolte dall’Ucraina e raccontano l’invasione russa in corso.
Le altre testimoniano gli scenari più critici sparsi nel mondo: la Siria,
la Libia, le isole del Mediterraneo che fanno da approdo alla rotta dei
migranti.

Secondo la Fondazione di comunità D’Arti, promotrice e organizzatrice
dell’evento, è un tentativo di ripensare il concetto stesso di fruibilità
della proposta culturale. L’idea è creare una galleria d’arte che
eliminasse ogni barriera. Sia quelle fisiche sia quelle sociali, quali
possono essere – per esempio – il prezzo del biglietto. Una mostra che
possa raggiungere tutti, anche chi non è solito visitare musei o
esposizioni. La scelta del tema è stata una conseguenza: gli effetti che i
conflitti e la negazione dei diritti hanno sulle popolazioni. Un’occasione
per mostrare quello che sta avvenendo in questi giorni alle porte
dell’Europa, ma anche quello che accade da molto tempo in altre zone del
pianeta a volte dimenticate.

Il titolo è un chiaro riferimento a una celebre frase di Liliana Segre,
senatrice a vita e sopravvissuta all’olocausto: “L*’indifferenza racchiude
la chiave per comprendere la ragione del male*, perché quando credi che una
cosa non ti tocchi, non ti riguardi, allora non c’è limite all’orrore.
L’indifferente è complice, complice dei misfatti peggiori”. L’inclusività
nelle scelte di allestimento e la potenza delle tematiche affrontate hanno
fatto ottenere all’evento il patrocinio della Camera dei deputati, con *il
presidente Roberto Fico che sarà presente personalmente all’inaugurazione
in programma il 22 aprile*. Oltre alla Regione Puglia, alla Città
Metropolitana di Bari e al Comune di Conversano, a patrocinare la mostra è
la Diocesi Conversano-Monopoli.

Indifferenze 2022 sarà il primo evento di una rassegna che avrà durata
triennale, in cui le vie centrali di Conversano ospiteranno le opere che
narrano le grandi problematiche del nostro tempo, quelle sociali, culturali
e ambientali. Per informazioni e visite guidate presso la mostra e il
centro storico, è possibile rivolgersi alla Pro Loco, tramite Whatsapp al
numero 328 324 3345.