• venerdì , 20 aprile 2018

NATALE A MOLA 2015, CON TELETHON E ALTRE STORIE

078 - Copia

MOLA – Il Natale a Mola è appena agli inizi, e il bello deve ancora arrivare. Uno di questi “belli” è lo spettacolo che domenica 20 dicembre alle 20 andrà in scena al teatro Van Westerhout. Un festival vocale, una festa della musica raccontata dagli organizzatori Antonio Panzini, Mauro Defonte e Katia Pappadopoli in una conferenza stampa svoltasi nella cornice dell’hotel Gabbiano. “Non sarà una competizione – ha spiegato Panzini – ci sarà una giuria di qualità presieduta da Vito Quaranta [e di cui faremo parte anche noi, ndr] che non metterà voti ma giudizi, e al termine verrà aggiudicato il premio Musicalità a chi maggiormente avrà espresso l’emozione di stare sul palco”. I concorrenti (in tutto 11) non saranno solo molesi ma anche provenienti dai paesi limitrofi e addirittura da Livorno. La serata ha innanzitutto uno scopo benefico. All’ingresso del teatro il pubblico troverà uno stand coi gadget di Telethon Italia (acquistandone uno si aiuta l’associazione) mentre il costo del biglietto dello spettacolo (un contributo volontario a partire da 3€) sarà devoluto all’ANT (Associazione Nazionale Tumori) di Mola. Una serata di musica, un incoraggiamento a eventuali giovani talenti, la possibilità di fare del bene… quanti altri motivi volete per non mancare?

E non è l’unico evento in piena fase di svolgimento per questo Natale a Mola! Intanto si susseguono, in piazza e nelle chiese, gli appuntamenti musicali. Solo nell’ultimo weekend abbiamo potuto ascoltare il dj set di Tuppi, che ha fatto trascorrere ai giovani un sabato sera da… ballo, mentre la domenica sera abbiamo assistito alla performance del trio composto dal fisarmonicista Modesto Parente, dal batterista e vocalist Antonio Ciavarella e dal trombettista Antonio De Santis, tre ospiti del CAP (Centro Aperto Polivalente) che hanno portato a tutta la cittadinanza molese quello che, coadiuvati dalla loro educatrice Marianna Brunetti, da anni portano ai loro coetanei del centro anziani: divertimento in musica. E non pensiate che ad ascoltarli in piazza ci fossero solo vecchi…

Ma non va dimenticato che il Natale è prima di tutto una festa religiosa, il ricordo della nascita di Gesù Bambino, e per questo l’associazione “Rosa di Jericho” sta sviluppando un presepe vivente a puntate interpretato dai suoi volontari: nelle scorse sere l’ipogeo di corso Regina Margherita ha ospitato una rappresentazione dell’Annunciazione. Ma la storia continua, e sabato 19 a partire dalle 19.30 assisteremo alla rappresentazione del viaggio della Sacra Famiglia, che partirà dall’ipogeo e percorrerà il paese fino a raggiungere la città vecchia.

Infine, non può mancare uno sguardo alle mostre figurative. Fino a domenica se ne potranno visitare ben tre a pochissima distanza: quella pittorica “Poli” di Nicola Poli, quella fotografica “First step” di Francesco Vitulli sono ospitate dal palazzo Roberti (ingresso libero dalle 17 alle 23, andate a vederle onde ammirare le infinite potenzialità del colore e del bianco e nero) e, a pochissimi metri di distanza, presso lo storico bar Moderno, la mostra pittorica “Fantasia” di Joe Pansa. Ispirata nel titolo a Bruno Munari, artista novecentesco e maestro del pensiero creativo, andate a visitarla e di quel che vedete fatevi un’idea vostra. Inutile chiederne spiegazioni all’autore: “La comunicazione è fatta all’80% di linguaggio non verbale, per cui non conta quello che ti spiego io dei miei quadri, ma quello che arriva a te”.

E il Natale a Mola 2015 continua…

Vito Giustino

070 - Copia100 - Copia095 - Copia055 - Copia036 - Copia037 - Copia130 - Copia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts