• venerdì , 23 giugno 2017

NASCE “ALLEANZA PER MOLA”

MOLA – Dalle ceneri di “Alleanza per Diperna” nasce “Alleanza per Mola”, il nuovo movimento civico locale. Un movimento che si propone innanzitutto come “laboratorio comune”, cioè aperto a tutti quei cittadini che hanno voglia di dare un contributo di idee, senza alcuno steccato ideologico. Forse proprio per comunicare questa idea di apertura alla cittadinanza il movimento è stato presentato, in pieno giorno, fra i tavolini di piazza XX Settembre. La prima a parlare è stata Elisa Sciannameo, che ne ha spiegato la genesi: “All’indomani delle ultime elezioni, un gruppo di cittadini con la voglia di offrire il proprio contributo a questo paese insieme ai consiglieri di opposizione, ha iniziato a incontrarsi a cadenza settimanale. Crediamo nei valori della solidarietà, della democrazia, del rispetto dell’ambiente e dell’impegno amministrativo come dovere sociale e politico. Questo movimento si denomina ‘laboratorio comune’ perché vogliamo che i cittadini collaborino con noi, che si riavvicinino alla politica portando il loro contributo di idee e proposte. Il nostro slogan è un detto africano che recita ‘se vuoi correre veloce vai da solo, se vuoi andare lontano devi farlo insieme’”. La parola è passata a Giovanni Gallo, che ha indicato le idee guida del movimento: “Vogliamo uscire dalle logiche di partito, avere un contatto diretto con tutti coloro che vogliono indicarci la scelta più giusta da seguire. Oggi la politica, specie quella locale, è vissuta troppo spesso come un appropriarsi di potere anziché come lo sviluppo di processi di trasformazione sociale. Si parla di rottamazione della vecchia politica, ma già l’uso di termini ‘materiali’ per qualcosa che dovrebbe afferire alla comunità, quindi alle persone, mi sembra qualcosa di fuori dalla realtà. Non si può prescindere dalla propria storia, da quello che si è stati. E basta con la retorica de ‘i giovani sono il futuro’, spesso usata da chi i giovani vuole solo sfruttarli. No, i giovani sono il presente, e lo saranno nella misura in cui troveranno spazi di partecipazione attiva, anche all’interno di movimenti come il nostro”.

005 - Copia

Stefano Diperna si è complimentato coi due giovani oratori, che hanno “sintetizzato lo spirito del movimento, il quale cerca di trasformare un gruppo nato sei anni fa in occasione della campagna elettorale in qualcosa di più aperto, e soprattutto di non definito. C’è sempre diffidenza verso ciò che è precostituito, noi vogliamo rappresentare a livello locale qualcosa di aperto e libero da ogni preconcetto, mettere insieme cittadini di ogni estrazione che vogliono adoperarsi per il proprio paese al di sopra di ogni logica di parte. Ci siamo dati un paio di mesi di tempo per accettare le adesioni e insieme approvare uno statuto e un organigramma”.

023 - Copia

A tal proposito il movimento, che ancora non ha una sede fisica (sarà indicata a breve), avrà come coordinatore pro tempore Antonio Del Vecchio, che ha fatto un breve intervento (“ringrazio della fiducia accordatami per traghettare il movimento verso un nuovo percorso”), insieme a Giovanni Vincesilao (che ha dichiarato di aderire al gruppo pur restando in Fratelli d’Italia).

034 - Copia

A chiudere il giro di interventi Giuseppe Colonna, che ha precisato: “In consiglio comunale non cambierà nulla, quello che ha inizio è un percorso che darà vita a iniziative di carattere non solo politico ma anche sociale, poiché questo paese ha bisogno di un cambiamento forte. Certo, siamo fieramente di centrodestra, ma è tempo di far capire che i contenuti sono più importanti dei contenitori”.

027 - Copia

Questa la presentazione del neonato laboratorio, che per considerazioni di carattere prettamente politico riguardanti questo primo anno di amministrazione Di Rutigliano dà appuntamento a Palazzo Roberti l’8 luglio alle 19.

Vito Giustino

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts