• giovedì , 26 aprile 2018

MOLA, UNA BOCCATA D’IDROGENO A SAN MARINO

Da sin., Antonella Galeone della Fondazione H2U, Corrado Petrocelli, Gianni Russo, Nicola Conenna, Vito Lepore e il console italiano a San Marino

 

MOLA – Il motore a idrogeno arriva a San Marino. Pochi giorni fa il fisico Nicola Conenna, il presidente dell’H2U che ha messo a punto il furgone a idrogeno esposto alla Fiera del Levante e che intervistiamo nel numero in edicola, ha presenziato al convegno “Verso le energie rinnovabili e opportunità offerte dall’utilizzazione dell’idrogeno come vettore energetico sulla mobilità sostenibile e gli usi ambientali e abitativi” presso l’Università di San Marino. Presenti anche l’ex-rettore dell’Università di Bari Corrado Petrocelli (da un anno lì), diversi consoli stranieri e, in rappresentanza del Comune di Mola (che ha espresso interesse all’utilizzo delle scoperte di Conenna) l’assessore Gianni Russo e il consigliere Vito Lepore. Molto positivo il bilancio dell’incontro tracciato da Russo: “In sostanza l’incontro è stato proficuo per la presenza di consoli di mezzo mondo interessati ai vari progetti con l’uso dell’idrogeno da parte di Conenna. Abbiamo registrato unanimi consensi verso tali applicazioni progettuali in tutti i settori (mobilità, abitativi, produttivi, ecc.). Interventi spinti si registrano in Germania, USA (California), Giappone… In Italia stanno iniziando Trento, Modena e la stessa Mola sta progettando un ecovillaggio a idrogeno. Il console italiano ci ha chiesto di tenerla informata sul progetto. Ci hanno definiti audaci e lungimiranti sulla nostra volontà a Mola…”.

ph_Da sin., Antonella Galeone della Fondazione H2U, Corrado Petrocelli, Gianni Russo, Nicola Conenna, Vito Lepore e la console italiana a San Marino

Vito Giustino

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts