• giovedì , 26 aprile 2018

MOLA, QUELLA MATTINA DI UN GIORNO DA CANI

MOLA – La Lega del Cane di Mola non esiste più. Il nostro paese ha potuto contare per anni (ovviamente quasi sempre senza riconoscerlo) sull’aiuto di pochi volontari che si sono dati da fare per aiutare i cani randagi dando loro un tetto, pagando di tasca propria le cure mediche, e dandoli in adozione ai cittadini che decidevano di rispondere ai loro continui appelli. L’anno scorso hanno dovuto chiudere i battenti per problemi economici ma, a dimostrazione di quanto hanno sempre creduto nella propria missione, non hanno smesso di prendersi cura dei cani che al momento della chiusura dell’associazione erano in stallo da loro: Marley, Didi, l’Aiutante, Mina e Fido (quest’ultimo si trova in una pensione). Soprattutto Marley e Didi hanno problemi di salute e continuo bisogno di medicinali. Chi li aiuterà?

Una delle tante iniziative che contraddistinguevano l’attività della Lega del Cane era una serie di manifestazioni in cui tutti i possessori di cani erano invitati a portare i propri amici a quattro zampe per farli esibire e giudicare dal pubblico (e coi ricavati da iscrizioni, vendite di gadget, ecc. rimpinguare le mai piene casse dell’associazione). Oggi un cittadino ha deciso di dar loro una mano rispolverando questa piccola tradizione: Antonio Laricchia, titolare di una tabaccheria in piazza XX Settembre, armato solo di buona volontà e dell’aiuto di alcuni amici, ha dato vita a una nuova Giornata del Cane. Domenica al Peekaboo Sporting Club, sulla strada per Conversano, i bambini e i loro genitori hanno passato una mattinata a divertirsi coi loro cani, divi per un giorno, che hanno sfilato e giocato in pubblico. La manifestazione, condotta da Patrizio Grisanzio, si è conclusa col giudizio di una giuria di ragazzini che ha decretato i vincitori (uno per ogni categoria: meticci, cani di razza di taglia piccola, cani di razza di taglia media, cani di razza di taglia grande). Ma soprattutto è stata una bella giornata di festa in cui tutti, adulti, bambini e cani, hanno giocato insieme. E sono stati d’aiuto a chi è meno fortunato.

Antonio, e il tuo bilancio della giornata com’è? “Positivo. Abbiamo avuto 108 iscritti, raccogliendo così 540€ dalle loro iscrizioni più altri 60 di contributi volontari. In tutto 600€ che abbiamo immediatamente devoluto ai cani ospitati nel rifugio di cui si occupano gli ex-ragazzi della Lega del Cane. Ovviamente sono soldi che andranno via presto poiché con quella cifra puoi al massimo tamponare le spese per le cure più urgenti di cui necessitano Marley e Didi, per questo è importante che si continui a donare”. Come ti è venuta l’idea? “All’inizio dell’estate mi è venuto in mente che quest’anno, avendo la Lega molese chiuso, non avremmo avuto la Giornata del Cane. A fine luglio ho contattato alcuni amici e in meno di venti giorni abbiamo messo tutto in piedi. Di questo sono grato agli amici che hanno accettato senza esitare di darmi una mano, ad esempio sponsorizzandomi (come Benny Pipino dei supermercati Dok, Girolamo Susca del negozio di animali I Love Pets, Giovanni Roseto dell’Ameno Clean, prodotti detergenti per cani, Pietro Dellera del negozio Pharma Garden, Maurizio Cappelluti della UnipolSai assicurazioni, Giuseppe Recchia della libreria per bambini “Per fare un libro”) o fornendomi il materiale necessario (Sante Valentino di Rich Dog che ha prodotto le pettorine e i vari gadget e ovviamente Sabino Guardavaccaro e Nico Valentini che hanno messo a disposizione gratuitamente lo spazio di Peekaboo). Il resto lo ha fatto il passaparola sui social”. E ora? E’ prevista una seconda edizione? “Ce lo stanno chiedendo tutti i partecipanti. Ovviamente non prometto tempi brevi, ma faremo di tutto per realizzarla l’anno prossimo, magari con nuove idee che quest’anno non abbiamo avuto tempo e modo di attuare. Per ora sono contento, molto contento, di aver visto andare via felici tutti i bambini che hanno partecipato”.

Felici anche gli adulti. Debora Abatangelo, ex-presidente della Lega del Cane, è felice dell’affluenza (“persino superiore a quelle delle Giornate organizzate da noi”) e ci tiene a ringraziare pubblicamente, “a nome mio e della ex-Lega, Antonio per il suo aiuto e la sua sensibilità, che ha permesso di dar vita a questa bellissima giornata”.

Vito Giustino

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts