• giovedì , 22 giugno 2017

MOLA. L’EX-SINDACO INDICE CONFERENZA CITTADINA “PER FARE CHIAREZZA”

[RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO]

Cari Concittadini,

vi scrivo perché vorrei fare chiarezza su quanto accaduto negli ultimi mesi.
Lascio questo mandato non per mia volontà, ma costretto dal voto comune della minoranza di destra con una parte minoritaria della maggioranza che originariamente mi sosteneva. La mozione di sfiducia nei miei confronti è stato lo strumento utilizzato.   

Il 1° febbraio ho rassegnato le dimissioni perché era venuta meno, di fatto , la maggioranza in consiglio comunale, con una dichiarazione di indipendenza di quattro consiglieri appartenenti alla Coalizione che supportava l’Amministrazione.
Nei giorni successivi, sostenuto dalle forze politiche e dai consiglieri rimasti leali, non solo al  Sindaco, ma soprattutto agli impegni assunti in campagna elettorale nei confronti dei cittadini, ho ritirato le dimissioni. L’ho fatto solo ed esclusivamente perché c’erano segnali favorevoli ad una ricomposizione della maggioranza. Mi si chiedeva, preliminarmente, l’azzeramento della giunta.

Una ricomposizione avrebbe consentito alla nostra amministrazione di portare avanti i progetti avviati, per il bene del nostro paese. É per questo che ho accettato di ritirare le dimissioni.
Negli incontri successivi, è emersa, invece, sempre più nitida la volontà degli indipendenti di NON ricomporre la maggioranza e NON favorire la formazione di una nuova giunta. É diventata sempre più chiara la volontà di ostacolare l’avvio di un percorso amministrativo realmente rinnovato.
Contestualmente, (una triste, fortuita coincidenza??), è stata avanzata la mozione di sfiducia nei miei confronti da parte dei consiglieri di minoranza, che, come tutti ormai sapete, è stata votata anche dai quattro indipendenti, oltreché dal capogruppo del PD, anche se solo a titolo personale.

 

Ho fatto di tutto per evitare di lasciare il paese ad un lungo periodo di commissariamento. Nonostante, tutte le difficoltà del momento, ho raccolto la disponibilità di una nuova giunta composta da alti profili professionali e tecnici, a cui però non si è voluto dare la possibilità di operare per il bene della nostra città.

Riconosco di essere stato un Sindaco “scomodo”: spesso intransigente e “capatosta”…, ma burattino mai! Posso serenamente affermare di aver operato sempre e solo con onestà e spirito di servizio verso la comunità e il paese, nel rispetto delle istituzioni, e anzitutto dei cittadini. Ho messo al primo posto Voi cittadini, anche e soprattutto quando esigevo maggior efficienza da taluni uffici comunali, utilizzando dei metodi forse, per alcuni,  non politicamente corretti, ma, a mio avviso, necessari per andare incontro alle esigenze della città.

Avrei piacere di confrontarmi su quanto accaduto con coloro che vorranno incontrarmi, ed è per questo che Vi invito a partecipare ad una conferenza cittadina mercoledì 5 aprile alle ore 18 in via Di Vagno 86.

Giangrazio Di Rutigliano

“Non ho paura della cattiveria dei malvagi ma del silenzio degli onesti”

(Martin Luther King)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts