• sabato , 21 aprile 2018

MOLA, HA INIZIO LA SAGRA DEL POLPO

MOLA – La 46° edizione della Sagra del Polpo è ufficialmente partita. Venerdì sera, nell’arena del castello Angioino, è andata in scena quella provvisoriamente definita “anteprima della Sagra”. Una kermesse canora che ha visto esibirsi dieci giovani artisti di Mola e dintorni (in ordine di esibizione: Rosalba Ranieri, Joe Pansa, Micaela Agnello, Leonardo Vita, Antonio Gridi, Easy Funk, Serena Palmisano, Mr Facciolla, Gianpiero Delle Grazie, Black Chic), ascoltati non solo dal pubblico affluito sugli spalti dell’arena,

070 - Copia

ma anche da una giuria composta dalla speaker radiofonica Rosa Zotti, l’assessore al Turismo Giuseppe De Silvio, il maestro Nilla Pappadopoli, il direttore di palco del CiccioRiccio Tour Vito Alfarano e il responsabile musicale di CiccioRiccio Marcello Biscosi,

076 - Copia

il cui compito era valutare i tre migliori concorrenti premiandoli con l’opportunità di esibirsi, fra il 30 e il 31 luglio, sul palco della fase finale della Sagra, all’interno del CiccioRiccio Tour. Questi ragazzi potranno condividere il palco con Elodie, Moreno, Jake La Furia e altri idoli dei giovani.

La serata era trasmessa in diretta su Radio Mola International, ed è stata condotta dal direttore artistico dell’emittente Giuseppe Aversa, mentre la diretta radiofonica è stata coperta per l’anteprima dai dj Gianfranco Santoro e Roberto Magnifico,

163 - Copia

e per la kermesse da Nicola De Silvio e Viviana Giliberti.

008 - Copia

Fra un’esibizione e l’altra abbiamo visto sul palco il presidente dell’AVIS molese Paolo Deliso, quello della Lega Navale Ninni Mariano e quello della Pro Loco Sabino Rutigliano,

027 - Copia071 - Copia

oltre a un’esibizione di zumba delle ragazze dell’ASD Gymnica di Luciano Palella coreografate da Agata Vinci, un’esecuzione al sassofono della musicista Bianca Lopez e una cover di Vasco del cantante molese Vasko Del Sud.

065 - Copia089 - Copia120 - Copia

A fine serata, lunga discussione tra i giudici per decidere chi premiare, con un colpo di scena: visto l’alto livello delle performances, i vincitori sono saliti da tre a quattro. Ecco chi sono e cosa ci hanno detto a caldo subito dopo la premiazione.

Antonio Gridi, che ha portato un brano di sua composizione: “Sono rimasto sorpreso io per primo della vittoria, è più difficile arrivare al pubblico con un inedito che con una cover, la gente lo ascolta per la prima volta e non è preparata. Ma io ci tengo a portare i miei brani, poiché la reazione del pubblico mi aiuta a capire se sono sulla strada giusta”.

179 - Copia

Gli Easy Funk, quartetto hip hop molese (Zekka, Meta, Leontino Gobest, Gia Young): “Veniamo da una decennale esperienza individuale, l’estate scorsa ci siamo conosciuti e abbiamo dato vita a questo progetto comune. Abbiamo già pubblicato un singolo con la Sheeva Records di Costantino Padovano, e il bello è che tutto questo nasce da un’amicizia vera tra noi, di cui la musica è esplicazione”.

183 - Copia

Serena Palmisano, già vocalist degli Overflowing, gruppo di art rock composto anche da Eduardo Pesole, Roberto Casulli e Leonardo Vita (anche quest’ultimo era tra i concorrenti): “Abbiamo scelto di esibirci separatamente perché tra noi c’è chi, come Leonardo, porta avanti parallelamente un progetto solista. Ma la vittoria è di tutti noi! Ora ci auguriamo che alla Sagra ci permettano di esibirci insieme, in modo da far conoscere anche la nostra nuova formazione”.

185 - Copia

Gianpiero Delle Grazie, che ha portato una cover di “Con te partirò” di Andrea Bocelli: “Sono sorpreso e felice della vittoria e dell’opportunità di esibirmi davanti a tutta Mola in occasione della Sagra. Stasera il pubblico ha risposto bene, il che mi fa sperare ci sia ancora posto per il pop lirico, e di poter continuare ad emozionarmi ed emozionare gli altri”.

189 - Copia

Infine abbiamo incontrato l’assessore De Silvio, ideatore della serata, che può certamente ritenersi soddisfatto: tre ore di ottima musica, con un’affluenza di pubblico non scontata in una serata infrasettimanale e per degli artisti non (ancora) conosciuti. Vuol tracciare un bilancio? “Una bellissima serata, per valorizzare non solo i prodotti del mare e della terra ma anche le risorse umane che sono i nostri giovani. I concorrenti erano tutti bravissimi, tanto che abbiamo deciso di allargare a una quarta possibilità”. Sappiamo che il nome “anteprima della Sagra” non le piace… “Pensiamo di ribattezzarlo Festival del Mare, che nelle prossime edizioni istituzionalizzeremo all’interno della Sagra stessa. Una vetrina che permetterà alle giovani promesse del territorio di farsi conoscere ed esibirsi accanto ai big della musica”.

048 - Copia

Vito Giustino

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts