• venerdì , 23 giugno 2017

MOLA, GIOCHI SPORTIVI GIOVANILI 2016

MOLA – Lo sport. Una disciplina che troppo spesso fa parlare di sé per scandali perpetrati da individui che lo usano solo per fare soldi sulla passione della gente, facendo dimenticare quel che dovrebbe essere: un modo per mettere alla prova se stessi a contatto con gli altri. Per fortuna esistono ancora piccole realtà che cercano di riportarlo al suo spirito originario, quali i “Giochi Sportivi Giovanili”. Un’iniziativa realizzata dall’amministrazione comunale di concerto con le associazioni sportive molesi per una due giorni all’insegna del gioco. Sabato e domenica (con una piccola interruzione di programma la domenica mattina causa pioggia) le associazioni di pallacanestro New Basket, Shark e Basket School, quelle di calcio Just e AC Mola, quella di volley La Sfera, quelle di judo Jikoro Kano e Judo Club si sono alternate in piazza XX Settembre sfidandosi in partite amichevoli (ma vissute in modo sanamente agguerrito dai ragazzi).

118 - Copia171 - Copia128 - Copia130 - Copia136 - Copia

Con la preziosa collaborazione della Lega Navale Italiana di Mola e del Gorjux-Tridente (che dall’anno prossimo riattiverà i corsi dell’Istituto Nautico), e della Città dei Ragazzi (la comunità con sede a San Materno che aiuta i ragazzi in difficoltà). Ad aprire e chiudere la manifestazione, le scuole di danza Petite Etoile, Sensazioni in Movimento e Azzurra si sono esibite in balletti realizzati dai loro piccoli allievi.

028 - Copia036 - Copia042 - Copia208 - Copia225 - Copia

In mezzo, la diretta di Radio Mola International a cui hanno partecipato il sindaco di Mola Giangrazio Di Rutigliano e l’assessore allo Sport Gianni Russo insieme al nostro campione mondiale di biliardo Michelangelo Aniello (che intervisteremo presto in occasione della sfida che lo attende in Slovenia dal 7 al 10 luglio) e ai presidenti delle varie associazioni.

025 - Copia050 - Copia056 - Copia060 - Copia068 - Copia071 - Copia077 - Copia088 - Copia106 - Copia

Alla fine medaglie per tutti, essendo lo slogan di questa edizione “nessuno è escluso”. Il sindaco si è detto orgoglioso di “aver riunito due realtà importantissime del nostro paese, ma ignorate in precedenti manifestazioni sportive, come la Lega Navale e la Città dei Ragazzi. Due realtà all’apparenza diverse (persino a livello geografico, una è sul porto e l’altra nell’entroterra), ma accomunate dall’obbiettivo di migliorare la vita nel territorio sfruttando le sue stesse risorse”.

196 - Copia193 - Copia114 - Copia

Soddisfazione condivisa da Russo, per il quale “non è stato facile venire incontro alle esigenze delle associazioni, dei genitori e dei ragazzi stessi, ma tutti hanno collaborato proprio perché l’obbiettivo comune era più importante di tutto. Persino il maltempo, pioggia a parte, ci è stato d’aiuto: i ragazzi mi hanno infatti confidato che correre con una temperatura fresca è molto più salutare”. Quanto alle polemiche che inevitabilmente rimbalzano sui social, l’assessore taglia corto: “Abbiamo realizzato una manifestazione sportiva praticamente a costo zero, utilizzando solo risorse locali, con l’unico intento di far divertire dei ragazzi, alcuni anche con un passato difficile alle spalle, e ricordare loro che c’è sempre un’alternativa alla vita di strada. Ci siamo riusciti e questa è l’unica vera vittoria di questi due giorni”.

Vito Giustino

238 - Copia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts