• giovedì , 26 aprile 2018

MOLA, FESTA DEI NONNI 2015

026 - Copia

 

MOLA – Il 2 ottobre, quando la Chiesa festeggia gli Angeli Custodi, è stato scelto nel 2005 dal parlamento come Giornata della Festa dei Nonni. Forse una scelta non casuale, fatto sta che la Giornata viene festeggiata ovunque e Mola non si sottrae. L’Università della Terza Età, in collaborazione con le scuole elementari di Mola, ha celebrato anche quest’anno una mattinata all’interno della chiesa del Sacro Cuore. La presidentessa dell’UTE Giovanna Fralonardo ha dapprima presentato i cori dei bambini, poi ha ripercorso brevemente le edizioni precedenti e ringraziato i presidi delle scuole. Ha infine passato la parola al sindaco Giangrazio Di Rutigliano, che a sua volta l’ha ringraziata “per come da dieci anni lavora per mantenere viva questa iniziativa. Chi come noi è sempre impegnato non può non apprezzare la presenza dei nonni, che vanno ringraziati sempre per il supporto che danno alle famiglie e la guida che offrono ai bambini. Da parte nostra questa festa troverà sempre il massimo appoggio. Anzi, forse facciamo poco, dovremo fare sempre di più”. L’assessore alla Cultura Francesca Mola ha ribadito che “stiamo lavorando per le scuole, non solo a livello strutturale, stiamo investendo sulla crescita dei ragazzi mettendo a punto iniziative di cui parleremo presto. Ringraziamo Giovanna per il lavoro che svolge per tutte le fasce d’età”. Infine, è stata premiata la Nonna dell’Anno 2015, la maestra Lucia Lobasso, che “è stata votata da più scuole essendosi distinta nella sua carriera per amore e dedizione”. La vincitrice dell’anno scorso, Luciana Palazzi, ha consegnato il premio a Rosalba Sica, figlia della nuova vincitrice impossibilitata a esserci per ragioni di salute. Rosalba ha ricevuto il premio con visibile emozione. Fralonardo ha annunciato a tal proposito l’istituzione di un albo che raccoglierà i vincitori degli anni passati, alcuni dei quali, come Mario Ventura, non sono più tra noi. La mattinata è proseguita tra i canti delle scolaresche applaudite dai loro genitori e, ovviamente, dai loro nonni.

Vito Giustino

030 - Copia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts