• giovedì , 26 aprile 2018

MOLA DI BARI come fare per ricevere il “ReD – Reddito di Dignità”

Si informano i nostri cittadini che hanno presentato domanda per accedere alla misura “ReD – Reddito di Dignità”, che è in corso la fase istruttoria relativa all’attivazione dei percorsi di inserimento per le 45 domande già valutate positivamente.
Sono già attive presso il Comune di Mola le equipe multi professionali che stanno convocando telefonicamente coloro che risultano ammessi al beneficio per il primo colloquio.
I cittadini che non hanno ricevuto ancora l’SMS o la MAIL, invece, sono pregati di rimanere in attesa della comunicazione da parte della Regione Puglia che, comunque, dovrebbe arrivare nei prossimi giorni.
Per qualsiasi altra tipologia di informazione riguardo le domande ancora da presentare, i cittadini sono invitati a rivolgersi ai CAF/Patronati o ad accedere al portale dedicato sulla piattaforma Sistema Puglia.
Ricordiamo che è ancora possibile presentare la domanda sul sito internet www.sistema.puglia.it/red che può essere compilata direttamente on-line dal cittadino o con il supporto dei CAF/Patronati convenzionati con l’Ambito Sociale, come indicato negli elenchi che sono pubblicati e consultabili sullo stesso sito.
Il ReD si rivolge a tutte le persone, con i rispettivi nuclei familiari, che: abbiano dai 18 anni di età in su, siano residenti in Puglia da almeno 12 mesi dalla data di presentazione della domanda (compresi i cittadini Europei o stranieri con regolare permesso di soggiorno), abbiano un ISEE in corso di validità non superiore a 3.000 euro all’anno e non cumulino indennità assistenziali o previdenziali superiori a 600 euro mensili. Costituiscono elementi di priorità (condizioni richieste dalla misura SIA): la presenza in famiglia di figli minori, la presenza in famiglia di persone con disabilità e grave non autosufficienza e il nucleo famigliare mono genitoriale.
I beneficiari sottoscrivono un Patto di inclusione sociale attiva (progetto individuale) che prevede: Sostegno al reddito: erogazione in denaro, senza vincoli di utilizzo, fino a 600 euro mensili (in particolare la misura SIA dà diritto a percepire da 200 euro a 600 euro, mentre quella connessa alla partecipazione ad un progetto socio-lavorativo dà diritto a percepire da 200 a 400 euro entrambe le misure in base al numero dei componenti familiari). Percorsi formativi di aggiornamento professionale, a completamento del tirocinio. Ove richiesti, interventi sociali quali: buoni servizio, misure di conciliazione e supporto socio-educativo alle funzioni genitoriali, mediazione linguistica e culturale per l’integrazione sociale, etc.
Dopo un’attenta analisi dei bisogni della comunità e, al contempo, delle necessità proprie dell’Ente relativamente al rafforzamento e al miglioramento di alcuni servizi, questa Amministrazione ha già approvato dei progetti di tirocinio con l’obiettivo di raggiungere l’occupabilità dei cittadini beneficiari del ReD, valorizzandone le competenze di base e professionali.
Ci auguriamo che continuino ad essere attivati progetti di Tirocinio per l’inclusione anche da imprese profit e non profit, associazioni, enti privati, affinché l’intervento del ReD possa raggiungere l’obiettivo di dare importanti risposte a diversi cittadini molesi in grave difficoltà economica il cui disagio aumenta in modo più intenso con minori, giovani e famiglie numerose.

L’Assessore Il Sindaco
Gianni Russo Giangrazio Di Rutigliano

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts