• venerdì , 23 giugno 2017

MOLA, CHIARIMENTI DAL PD

[RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO]

Prendendo atto delle dimissioni di alcuni amici del Direttivo di questo Partito, rese pubbliche a mezzo stampa, tengo a precisare alcuni aspetti della azione perseguita da questa Segreteria. Non vi è dubbio che la grave situazione amministrativa (politica e finanziaria) dell’Ente comunale stia assorbendo la quasi totalità delle energie interne al PD. La linea politica che questo Partito sta, infatti, perseguendo è quella di porre rimedio ai “conti” mal calcolati di questa Amministrazione. L’intervento, alla fine dello scorso mese, di un Commissario che rimettesse in ordine le finanze locali la dice lunga sullo stato di salute generale di questa Amministrazione, anche e soprattutto politicamente parlando. E’ proprio per questo stato di criticità che, in maniera credo responsabile, non abbiamo voluto abbandonare la barca mentre avrebbe potuto affondare. L’ingresso del PD in Amministrazione è stata la garanzia per i cittadini di un rigoroso controllo dell’attività amministrativa, tant’è che sin dall’agosto scorso avevamo chiesto al Sindaco una verifica dello stato dell’arte della nostra Coalizione. Il tutto, ricorderete, è sfociato in una serie di colloqui bilaterali tra le forze politiche e il Primo Cittadino, che ha portato quest’ultimo alla decisione di proporre un nuovo Assessore (che abbiamo richiesto “di peso”) dedicato esclusivamente agli atti finanziari. Ma l’intervento commissariale ha momentaneamente congelato quella verifica in essere. Non appena verrà conclusa questa fase economica, lo sguardo di questo partito verrà rivolto nuovamente allo stato generale della Coalizione e del Paese nel suo intero e il PD riprenderà la sua azione politica generale. Sicuramente, anche per tranquillizzare non solo i dimissionari, ma tutti gli iscritti e i simpatizzanti, intendo convocare un’assemblea generale che indichi, se necessario, correzioni di rotta, interna ed esterna. I partiti devono avere gli anticorpi necessari a improvvisi cali di pressione e i farmaci sono gli iscritti e i cittadini con le loro idee e il loro supporto.

                                                                                                                                                        Cordialmente
                                                                                                                                              Dott. Antonio Bonamassa 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts