• martedì , 22 agosto 2017

MOLA, “CENA IN BIANCO” TRA DIVERTIMENTO E SOLIDARIETA’

MOLA – Doveva tenersi nella prima metà di agosto la prima Cena in Bianco di Mola (una tradizione nata a Torino nel 2012 e che ormai si svolge in diverse città italiane), momento di convivialità all’aperto caratterizzato dal bianco delle tovaglie e dei costumi patrocinato dal Comune di Mola nella persona dell’assessore al Turismo Pino De Silvio. Era stata annunciata anche la location, piazza XX Settembre. Poi le avverse condizioni meteo hanno portato a rinviare la serata ai primi di settembre. Nel frattempo un altro fenomeno naturale, di portata ben più devastante, si è abbattuto sull’Italia: il terremoto, che ha letteralmente cancellato il paese di Amatrice, fatto sprofondare (si parla di 20 cm) quello di Accumoli e causato centinaia di morti, molti dei quali ancora giacciono tra le macerie e chissà quando saranno ritrovati. In questi casi la polemica è sempre la stessa: lo spettacolo dovrebbe fermarsi. Che diritto abbiamo di divertirci mentre altri soffrono, per di più vicino a noi? Giuseppe Aversa, direttore di Radio Mola International che ha trasmesso l’evento in diretta e accompagnato la serata con sottofondo musicale, riflette su questo: “E’ vero, non siamo d’aiuto a nessuno stando qui a festeggiare, ma non lo siamo neppure stando fermi. Almeno invitando la gente in piazza possiamo creare un’occasione di solidarietà”. E infatti la serata si è aperta con un appello a donare al gazebo dell’Avis presente in piazza per raccogliere fondi pro-terremotati. Dopodiché è proseguita con la cena, in cui ognuno degli invitati (nel parterre vip si potevano notare tra gli altri l’assessore De Silvio, i consiglieri Angelica Tribuzio, Antonella Fanizza e Vito Lepore, oltre a esponenti della Pro Loco come il vicepresidente Nicola Cassone) ha portato da casa posate e pietanze, come da tradizione. A fine serata balli di gruppo, trenini, selfie (sulle note di “Vorrei ma non posto” di J-Ax e Fedez… ma quanti hanno capito che è una canzone contro quest’abitudine?). Poi tutti a casa, riprendendosi ciascuno ciò che aveva portato. Quanto alle donazioni, alla fine sono stati raccolti 631€ e 20$ che verranno destinati alle popolazioni colpite dal sisma. Comunque la si voglia vedere, non certo una serata inutile.

025 - Copia026 - Copia023 - Copia032 - Copia035 - Copia036 - Copia038 - Copia045 - Copia050 - Copia059 - Copia042 - Copia

Vito Giustino

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts