• venerdì , 20 aprile 2018

Maxi sequestro della Guardia di Finanza a Capurso, Alimenti avariati e scaduti.

La Guardia di Finanza ha sequestrato un deposito in cui venivano riconfezionati generi alimentari scaduti o di provenienza furtiva nella zona industriale di Capurso. La strutura appartiene a una ditta che commercializza prodotti alimentari.

Le fiamme gialle hanno scoperto che i responsabili dell’impresa commerciale rimuovevano dalle confezioni della merce scaduta l’etichetta orginale che tracciava l’origine del prodotto per sostituirla con le proprie, stampate con apparecchi che si trovavano all’interno dello stesso magazzino.

Senza l’intervento della Guardia di Finanza, quei beni alimentari avrebbero portato sul mercato pugliese 18.783 chili di prodotti tra salumi, formaggi, frutta secca e derivati farinacei, nonché prodotti ittici sotto sale, provento di un furto a danno di una nota catena di distribuzione, oltre a 2.256 pezzi tra salumi e formaggi in avanzato stato di deterioramente e decomposizione. Il capannone è risultato poi in precarie condizioni igienico-sanitarie.

L’operazione, che ha visto anche l’intervento di personale del S.I.A.V. – Servizio Igiene e Assistenza Veterinaria dell’Asl di Bari, si è conclusa con il sequestro dell’area commerciale e degli alimenti, nonché di tutta l’attrezzatura utilizzata. I due responsabili dell’impresa sono stati denunziati all’Autorità Giudiziaria.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts