• venerdì , 27 aprile 2018

IDIOZIE ITALIANE: PRESIDENTE MATTARELLA NON CI PRENDA IN GIRO

 

SERGIO MATTARELLA, foto tratta dal corriere adriatico

 

a cura di Mimmo Derasmo

 

Al sig Presidente , Capo dello Stato Italiano      

NO TAV – perché no? Quali sono gli aspetti negativi? Per i più cretini possiamo dire che in fondo è solo un buco che fa risparmiare tanti soldi. E i  francesi che dicono?   NO TRV – perché no? Perché non diventare più agiati? Anche qui si tratta di un buco che può espellere tanti soldi.      

NO PONTE – perché no? Fare il ponte sullo stretto per collegare la Sicilia all’Italia è un desiderio che parte dal 251 a.C.(tempo fa). Per tale progetto è stato speso oltre un mld di euro (il costo totale è di 4.5 mld ) e al momento il desiderio resta  ancora. Confessiamo quindi la nostra stupida incapacità. Allora che fare? In Giappone hanno costruito il ponte più lungo del mondo, quindi chiamiamo chi l’ha fatto e facciamolo costruire.

Hanno detto che siamo “la culla della civiltà: ma se non ne usciamo quando avverrà la crescita?      

NO FINISHED – Perché non si finiscono le opere incompiute? Se si analizzano tutte si può definire la quantità del nostro denaro speso inutilmente ( o rubato ??? ). Perché non pensare a delle aste pubbliche di vendita a privati ( non come le auto blu) e recuperare quindi qualcosa?       

NO PARTECIPATE – Perché non si chiarisce una situazione che anche la Magistratura chiede, dichiarando che le spese che si sostengono si avvicinano a 30 miliardi di euro chiarendo che questo peso economico è indirizzato a creare e mantenere serbatoi di voto ad personam? Si tratta di una grande disonestà che tutti i politici conoscono e mantengono.

Sig. Presidente  mi rivolgo a Lei perché come Capo dello Stato la ritengo responsabile della situazione: Ho ascoltato con molta attenzione ciò che ha detto alla Nazione alle 20.30 del 31/12/2015 . Erano notizie che non interessavano il cittadino normale, ma che avevano l’interesse di magnificare l’attività del suo Capo di  Governo seguito da una classe politica ipocrita che da anni non fa altro che dilapidare soldi fino a portarci sull’orlo del fallimento. Ci raccontate che c’è un’evasione fiscale di 130 miliardi di euro; e di chi è la colpa? Ci sono regole ma non il rispetto ed il controllo di esse.

A chi tocca? Chi lo fa? Ha voluto dimostrare di essere dispiaciuto per quelle persone che non lavorano e che vivono in uno stato di povertà. Ho ascoltato il suo dire, ma non ho riscontrato una nota di emozione e di sensibilità reale nei confronti dei problemi che affliggono solo noi. E come poteva essere se una notizia apparsa su facebook (spero non sia vera, ma tocca a Lei smentirla ) evidenzia che suo figlio lavora nell’ambito politico, con il ministro Madia, e riceve uno stipendio di 125.000 euro annui?

Allora mi viene il sospetto che ance Lei ci stia prendendo in giro.

Lei che è il n.1 è connivente con le attuali scelte politiche? Mi viene da dire che forse è stato nominato presidente proprio per la sua immobilità e condiscendenza. E mi fermo qui …………per ora.  ………….. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts