Giovani e Amministrazione insieme per la Biblioteca Civica di Conversano

Continua il progetto dell’Assessorato alle Politiche culturali e giovanili
del Comune di Conversano per la valorizzazione della Biblioteca Civica
“Maria Marangelli”. L’iniziativa, nata dalla passione di un gruppo di
giovani conversanesi under 35 per quello che è stato eletto a luogo simbolo
del loro percorso di crescita personale, ha incontrato l’entusiasmo
dell’amministrazione, la quale ha avviato il percorso partecipato, aperto a
tutti, che sabato 15 febbraio arriverà al suo terzo appuntamento.

Nel corso del primo incontro, tenutosi lo scorso 24 gennaio, il gruppo di
partecipanti ha imparato a conoscersi e a far esperienza di un nuovo modo
di ascoltare l’altro. L’interazione è stata facilitata da “Comunitazione”,
organizzazione no-profit nella cui mission rientrano la promozione della
partecipazione dal basso, la progettazione condivisa e l’innovazione nelle
dinamiche sociali attraverso l’attivazione di cittadinanza attiva.

Nel corso del secondo incontro, invece, tenutosi lo scorso 8 febbraio, i
presenti hanno potuto sperimentare un nuovo modo di interagire: il World
Café.

Concepito nel 1995 in California da David Isaacs e Juanita Brown, il World
Café è nato come metodo semplice ed efficace per creare conversazioni
informali, vivaci e costruttive su temi relativi alla vita di
un’organizzazione o comunità; una sorta di brainstorming attraverso il
quale condividere conoscenze al fine di innescare cambiamenti.

Nella Sala conferenze della Biblioteca Civica è stata quindi ricreata
l’ambientazione di un caffè, con un angolo in cui poter consumare bevande e
cibo nel corso delle tre ore e mezza di durata dell’incontro, e cinque
tavoli disposti in ordine sparso, dotati di materiali sui quali disegnare,
scarabocchiare o scrivere liberamente, per fissare idee o esprimere
pensieri.

Discutendo di tre temi di volta in volta assegnati da Giulio Ferretto,
facilitatore dell’Associazione Comunitazione, i ragazzi e gli adulti
presenti si sono seduti ad un tavolo per trenta minuti, scaduti i quali si
accomodavano a loro scelta ad un nuovo tavolo costituendo così nuovi gruppi
di discussione.

Presso ogni tavolo, però, rimaneva un facilitatore, una sorta di padrone di
casa o custode della memoria, che sintetizzava la discussione del
precedente gruppo a quello di nuova formazione, in modo da favorire la
contaminazione e lo scambio di idee tra un gruppo e l’altro.

In tal modo i partecipanti hanno potuto condividere ricordi personali
legati alla Biblioteca Civica “Maria Marangelli confessando ciò che di questo spazio piace e quali sono le sue potenzialità
inespresse.

Potendo contare sull’ottima collocazione nel centro cittadino ed essendo
dotata di molti ambienti, la struttura potrebbe e dovrebbe contare su
un’offerta diversificata di attività, hanno sostenuto molti dei presenti.
Fra i suggerimenti emersi dalla discussione, si è parlato della necessità
di aumentare la fascia oraria di apertura; facilitare la donazione di
libri; migliorare la comunicazione dell’ente verso l’esterno, promuovendone
la funzione sociale di libero accesso alla cultura.

È stata poi la volta del confronto generale sui sogni e i progetti per la
valorizzazione della Biblioteca. Moltissime le idee emerse: Rendere il wifi
libero ed accessibile per tutti senza limitazioni di tempo, aumentando al
contempo le postazioni di computer a disposizione; creare una mediateca con
un archivio film di storia del cinema; allestire una sala video con sedute
comode in cui assistere a film e documentari*; *rinnovare il design della
struttura differenziando gli spazi per area tematica e migliorandone la
fruibilità, con ambienti di studio isolati e altri pensati per la
socialità; istituire uno spazio per il book-crossing  e uno che possa
essere liberamente gestito e utilizzato da associazioni locali;
digitalizzare il prestito e renderlo più accessibile; ampliare l’archivio
con letteratura contemporanea e storica; organizzare eventi con autori e
corsi di scrittura; mettere su un club del libro e coinvolgere quante più
scuole e associazioni possibile per fare della Biblioteca Marangelli il
fulcro della creatività e vitalità conversanese.

L’appuntamento è per il prossimo sabato, 15 febbraio, sempre dalle 16 alle
19.30, presso la Biblioteca Civica, in via S. Giuseppe 12. Obiettivo del
nuovo incontro sarà cercare di capire insieme quali progetti siano più
fattibili e funzionali alla rivitalizzazione di questo spazio pubblico
attraverso la metodologia dell’Open Space Technology. L’invito è aperto a
tutti, senza alcun limite, anche a chi non fosse stato presente ai primi
due incontri. Un’occasione da non perdere per poter dire la propria e
conoscere meglio uno dei luoghi più suggestivi di Conversano.