CONVERSANO, APPROVATO IL BILANCIO DI PREVISIONE 2019

Con il voto favorevole dell’intera maggioranza e il voto contrario delle
minoranze, il Consiglio comunale ha approvato ieri sera il primo bilancio
di previsione dell’Amministrazione Loiacono.
Un momento importante per la vita dell’Ente pubblico e di riflesso per la
Città, al fine di garantire il soddisfacimento dei bisogni e la fornitura
dei servizi essenziali per la comunità.

“Per diverse ragioni, ed in particolare per le censure mosse dal MEF
(Ministero dell’Economia e Finanza) e dalla Corte dei Conti alla gestione
appena trascorsa, come rilevabile anche dal diverso tenore del parere dei
revisori rispetto agli anni precedenti, la manovra di bilancio è sostenuta
da un atteggiamento di prudenza e congruità – spiega Pasquale Loiacono
Sindaco di Conversano – abbiamo cercato di riportare il sistema economico
in equilibrio senza sacrificare le scelte strategiche per la Città, che in
maniera graduale vedranno piena realizzazione”.

La manovra si caratterizza innanzitutto per l’implementazione e
l’adeguamento della macchina amministrativa, che necessita di nuove
assunzioni. Le maggiori risorse sono state perciò concentrate nel garantire
il reperimento di ulteriore personale, con 5 nuove unità di categoria D, 3
di categoria C, 2 di categoria C per Vigili Urbani, a cui verranno aggiunti
i tirocini formativi. Una volta incrementato il numero dei dipendenti in
servizio (ad oggi solo 77 su 172 previsti, con circa 20 pensionamenti
previsti nel 2019), e nel rispetto dei vincoli normativi, si valuterà la
possibilità di inserire figure dirigenziali o la direzione generale.
L’imposizione fiscale è rimasta pressoché inalterata ed in linea col
recente passato. L’aumento della TARI, nella misura del 6,31%, costituisce
un atto dovuto, da ricondursi ai costi di conferimento dei rifiuti presso
gli impianti di trattamento sia per la parte secca sia per la parte umida.
E’ stata comunque prevista una riduzione del 100% della TARI per i nuclei
familiari con ISEE pari o inferiore a 4.000 €, oltre alla riduzione del 30%
per i nuclei familiari con pensionati dai 65 anni in su e con ISEE non
superiore a € 10.000.

La determinazione del costo Tari da coprire, oltre alle tariffe comunicate
da Ager Puglia, si basa sulla previsione contrattuale del costo del
servizio: anche questo un criterio prudenziale, essendo in queste settimane
in corso le verifiche utili ad arrivare alla risoluzione del contratto con
la Ecologia Falzarano da parte di tutti i comuni dell’Aro 8.
Sempre in ambito fiscale, si avvia un nuovo rapporto con il cittadino
consentendo rateizzazioni maggiori rispetto a quelle fin qui concesse ai
casi di necessità, come previsto dal regolamento delle entrate appena
modificato.

“Con questo bilancio – prosegue Loiacono – abbiamo inteso garantire
comunque i servizi al cittadino senza aumentare le relative tariffe. Al
contrario, abbiamo da subito voluto dare un segnale concreto al rilancio
del centro storico, detassando integralmente e per i primi tre anni dalla
TARI i nuovi esercizi commerciali che si insedieranno nel borgo antico e
scontando del 20% la tassa per quelli esistenti, con esclusione di
ristoranti ed esercizi commerciali di beni di lusso”.
Malgrado le esigue risorse, e mentre prosegue la modifica alle
progettualità in corso dagli anni passati (es. Sisus, …),
l’Amministrazione Comunale ha voluto cominciare a pensare ad una città
proiettata nel futuro sia attraverso opere pubbliche come il rifacimento di
Piazza Moro, sia dando avvio al PUMS (piano urbano della mobilità
sostenibile) che al tanto atteso PUG (piano urbanistico generale), per
disegnare una città moderna e sostenibile.
Sempre in tema di lavori pubblici si è pensato alla riqualificazione e
all’adeguamento del campo di calcio “P. Lorusso” che da tempo attende
interventi imprescindibili ed indifferibili per il regolare svolgimento
delle attività sportive.
Il canile-rifugio comunale verrà finalmente sottoposto ad adeguamento e
verrà poi realizzato un Canile Sanitario per le pratiche di
sterilizzazione, che contribuiranno ad una maggiore riduzione del fenomeno
del randagismo.
Sono state anche stanziate risorse per le necessarie manutenzioni delle
strutture comunali esistenti, con particolare riferimento alle scuole che,
malgrado i recenti interventi di efficientamento, presentano diverse
criticità.

Sempre sul fronte della spesa, sono state previste congrue somme per i
contributi da erogare per eventi ed iniziative culturali ed a servizio
della promozione del patrimonio storico e della valorizzazione turistica
del territorio.

Il primo bilancio del mandato Loiacono, oltre a razionalizzazione ed
equilibrio della pianificazione finanziaria, pone le premesse per
l’attuazione delle linee programmatiche dell’amministrazione, con un quadro
di regole certe che uffici e politica sono altresì impegnati a definire.