• sabato , 21 aprile 2018

DONATELLO FANELLI, IL SOGNO INGLESE CON LA SQUADRA DEL BAKU

a cura di Giuseppe Amatulli

CONVERSANO – Donatello Fanelli, classe 1994, fa parte di quella lunga schiera di giovani italiani che hanno deciso di abbandonare il proprio Paese cercando fortuna in Inghilterra. La scelta per questi ragazzi non è facile: sono costretti a lasciare le loro abitudini, la loro famiglia, i loro amici, le loro passioni rincorrendo una vita indipendente. A volte, però, basta un poco di buona volontà per continuare a sentirsi a casa e coltivare una grande passione: è il caso di Donatello, il quale, grazie all’intercessione di mister Chiaffarata, è riuscito a trovare una squadra di calcio a 5 oltremanica, il Baku United. La squadra londinese dopo un breve provino ha subito deciso di integrare il giovane conversanese, scuola Azzurri Conversano, cresciuto sotto l’occhio attento di Francesco Masi: “L’anno scorso – ammette Donatello – ho dovuto lasciare i miei compagni di squadra, ma mai ho smesso di pensare al pallone con il rimbalzo controllato. Ora il Baku mi ha dato una grande possibilità e cercherò di sfruttarla al meglio. Il progetto del Baku è davvero intrigante: è la squadra campione nazionale di questa  disciplina e sta tentando di far crescere il movimento in tutto il Paese”.

Donatello in queste prime settimane trascorse con la maglia del Baku ha già riempito il suo bagaglio di alcune importanti esperienze, prima fra tutte la trasferta in Ungheria dove si è giocato il primo turno della Champions League del Calcio a 5. “Purtroppo – racconta il giovane conversanese – a causa di vari impegni lavorativi durante la settimana precedente la partita non mi sono potuto allenare e perciò non sono entrato in campo. È stata comunque un’esperienza alquanto formativa. Viaggiare e giocare accanto a grandi nomi  è stato per me davvero emozionante. Poi voglio ricordare il nome del mio allenatore: Alberto Riquer, vincitore di un mondiale e di un europeo con la maglia della Spagna. Sono davvero felice di essere parte integrante di questo progetto così ambizioso, purtroppo non posso essere costante con gli allenamenti a causa del mio lavoro, ma ce la metterò tutta per ritagliarmi un posto anche sul campo”.

Donatello quindi è l’esempio emblematico di come si possa continuare a coltivare i propri sogni e le proprie passioni anche lontano da casa: “L’Inghilterra – dice Donatello – è una terra ricca di possibilità per noi giovani. Consiglio a tutti coloro che non riescono a trovare una sistemazione stabile nel loro paese di venire qui, dove come minimo impari una lingua, entri in contatto con altre culture e apprendi a vivere da solo. Vedrete come i vostri sacrifici, qui, sono ripagati nel tempo”. 

12049313_10206936648162309_1211212754863453407_n

foto: la squadra del Baku United

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts