• venerdì , 23 giugno 2017

CONVERSANO, “DEDICATO A BITIYA” E A TUTTE LE DONNE VIOLENTATE

CONVERSANO – Una donna che cammina in un campo. Sola, circondata da voci. Voci di donne come lei che sono state maltrattate, picchiate ed umiliate dai loro uomini. Alla fine si trova davanti a un muro. Oltre quel muro, una mano tesa pronta ad aiutarla. Questo è lo spot girato da Gianni Torres per pubblicizzare “Dedicato a Bitiya”, il programma anti-violenza finanziato dalla Regione Puglia e affidato alla gestione della Comunità San Francesco e della onlus Safiya per l’Ambito di Conversano, Polignano e Monopoli.  

097 - Copia

Prende il nome da Bitiya, il nomignolo (sta per “figlia”) con cui veniva chiamata Jyoti Singh, la ragazza indiana stuprata e uccisa nel 2012 da un gruppo di ragazzi. Una delle tante ragazze morte in questo modo, in India e non solo, ma assurta a simbolo della violenza sulle donne. Il programma è già partito, e lo spot di cui vi abbiamo parlato rappresenta solo un primo passo sul fronte delle campagne di comunicazione, sensibilizzazione e informazione che rientrano nel progetto. Altre iniziative prevedono l’istituzione di uno sportello informativo sulle attività delle associazioni anti-violenza presso i Servizi Sociali dell’Ambito, e di uno sportello d’ascolto nelle scuole secondarie di secondo grado, e in generale una maggiore attività di formazione non solo degli operatori dei servizi sociali, ma anche, tornando in ambito scolastico, di genitori e alunni. Una conferenza stampa presso il Castello di Conversano ha permesso di fare il punto della situazione. A introdurre gli ospiti Marica Massara dell’associazione “Il Melograno” di Conversano (gestita dalla comunità San Francesco). La prima a parlare è stata l’assessore alle Pari Opportunità di Polignano Marilena Abbatepaolo: “Come donna sono molto contenta di assistere a progetti di collaborazione per dare supporto concreto alle donne che hanno subìto violenza. Esistono tanti tipi di violenza, non solo fisica ma anche psicologica, che ti fa sentire separata dal resto del mondo. Mettere i cittadini in condizione di conoscere queste realtà è l’unico modo per spingerli a intervenire contro di esse. Facciamo anche passaparola, è importante”.

025 - Copia

Si sono poi via via susseguite la dirigente dell’Ufficio di Piano di Conversano, Polignano e Monopoli Franca Tarulli (che ha tracciato una breve storia delle iniziative prese in difesa delle donne nell’Ambito in questi anni), la funzionaria dell’assessorato regionale al Welfare Giulia Sannolla (che ha sottolineato l’obiettivo di coprire tutti i territori con questo programma in modo che nessuna donna ne sia esclusa), il sindaco di Conversano Giuseppe Lovascio (“sono molto orgoglioso del lavoro delle amministrazioni nel nostro ambito, e della vicinanza della Regione, in questo che è anche un lavoro culturale”), l’assessore alle Politiche Sociali di Conversano Francesca Lippolis (che ha invitato i ragazzi presenti a suggerire ulteriori iniziative), l’amministratrice della Comunità San Francesco Antonia Cairo (contenta dei progressi fatti rispetto a qualche anno fa, quando le amministrazioni perfino ignoravano casi di violenza domestica nei loro territori), l’avvocato penalista del centro Safiya Maira Casulli (la quale ha incentrato il suo intervento sull’importanza che le donne vengano, sin dall’infanzia, rese consapevoli del rispetto di se stesse e spronate a reagire) ed infine la professoressa Desiree Prestifilippo e le ragazze del liceo “San Benedetto” di Conversano, che da anni svolgono ricerche e partecipano a iniziative inerenti la violenza sulle donne e sui minori (come “Novembre Rosso”, che ovviamente si augurano continui nei prossimi anni).

034 - Copia036 - Copia

Gli sportelli informativi sulle attività dei centri antiviolenza presenti nell’Ambito sono: a Conversano, il primo e il terzo mercoledì del mese dalle 10 alle 11.30 presso i Servizi Sociali in via Gioberti 55; a Polignano, il primo e il terzo mercoledì del mese dalle 10 alle 11.30 presso l’Associazione Safiya in via Don Luigi Sturzo; a Monopoli, il primo e il terzo giovedì del mese dalle 9 alle 10.30 presso i Servizi Sociali in vico Acquaviva 19.

Vito Giustino

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts