• sabato , 16 dicembre 2017

Benedetto Petrone, gli anni ’70 e la città di Bari, Palazzo Ateneo – Palazzo Ex Poste 27-28 novembre 2017

Lunedì 27 novembre una lezione tenuta nell’Aula Magna dell’Ateneo dal Prof. Giovanni Moro su Gli anni Settanta in Italia. Martedì 28, presso il Palazzo Ex Poste, un seminario di studi sul tema Benedetto Petrone, gli anni Settanta e la città di Bari, che vedrà tra i relatori Giuseppe Cotturri, Enzo Mansueto e Michele Laforgia. Tra i due momenti di riflessione, l’inaugurazione, nell’atrio del Palazzo Ateneo, di una mostra documentaria curata dalla Fondazione Gramsci di Puglia e dall’Istituto pugliese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea (Ipsaic). Sulla scorta dell’iniziativa assunta dall’Assessorato alle Culture del Comune di Bari nel 40° anniversario della morte di Benedetto Petrone, risulta articolata come da allegato programma una proposta di approfondimento tesa a favorire una partecipazione consapevole della cittadinanza alle celebrazioni della ricorrenza, in particolare da parte delle nuove generazioni.
Troverà spazio nei due pomeriggi di studio una riflessione aggiornata sulle trasformazioni che investirono Bari negli anni Settanta, sulle culture giovanili espresse in città nel corso del decennio, sul quadro politico entro cui si consumarono tali cambiamenti, sui caratteri della violenza neofascista. Si tornerà al contempo, attraverso la mostra documentaria, sulla vicenda umana di Benedetto Petrone, sui tragici accadimenti del 28 novembre 1977, sulla risposta di una città commossa e partecipe. La Fondazione Gramsci di Puglia e l’Ipsaic hanno aperto i propri archivi a una equipe di giovani studiosi. Collezioni fotografiche, manifesti murari, carteggi di partito, riviste di area tracciano un percorso espositivo che accompagna il visitatore tra materiali in gran parte inediti, utili ad arricchire una memoria necessariamente ampia e plurale delle vicende in oggetto, della storia di Bari negli anni Settanta e, in essa, della storia di Benedetto Petrone.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts