• sabato , 21 aprile 2018

BARI, CONCERTO D’ORGANO CON MARGHERITA SCIDDURLO

BARI – A Bari vecchia, in via Boemondo, stradina che porta direttamente dal quartiere al piazzale del Castello Svevo, c’è una chiesetta, Santa Maria degli Angeli.

Risalente al ‘300, ha subìto molti restauri, l’ultimo dei quali ha riguardato il suo organo. Un organo di quasi mille canne sonore datato 1955 della ditta Ruffatti di Padova, e che ormai aveva diversi problemi di usura. Un anno e mezzo fa sono iniziati i lavori di restauro, a opera della padovana ditta Zanin e del barese Gianni Rega, che il mese scorso lo hanno restituito alla sua piena funzionalità.

L’evento è stato festeggiato sabato 14 ottobre con una messa presieduta, oltre che dal parroco don Sergio Biancofiore, dall’arcivescovo Francesco Cacucci,

cui è seguito un concerto eseguito all’organo dalla musicista molese Margherita Sciddurlo. Accompagnata dal sassofono di Paolo Debenedetto, ha eseguito brani classici quali la Toccata e Fuga di Johann Sebastian Bach, l’Ave Maria e Oblivion di Astor Piazzolla, Emmanuel di Michel Colombier e, come fuori programma per i presenti, Gabriel’s Oboe di Ennio Morricone.

Certamente la parrocchia ha scelto bene. La maestra Sciddurlo, oltre ad aver contribuito lei stessa al restauro di un altro organo, quello della chiesa di sant’Antonio a Mola (che ha poi reso fulcro del festival “Concerti di Santa Maria del Passo”, che si svolge ogni anno con crescente successo), è anche concertista di fama internazionale. Averla potuta ascoltare una sera in una piccola chiesa barese, oltre a essere stato come sempre piacevole all’udito, ci ha fatto pensare che ogni tanto il territorio ricorda i talenti che ha partorito e permette loro di esprimersi. Basterebbe che lo facesse più spesso.

Vito Giustino

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts